<$BlogRSDUrl$>

26.12.03

Comunicato stampa corrispondenti di Vivacity

Noi collaboratori e corrispondenti di Vivacity , una sessantina nelle trentacinque città coperte dal servizio, ci uniamo alla protesta dei dipendenti - giornalisti e metalmeccanici - contro l’imminente chiusura del portale decisa dal gruppo Unicredit.

Nel dare atto al gruppo di aver tutelato il posto di lavoro per i dipendenti (pur rimanendo per loro il problema della difesa della professionalità, dell’identità e della condizione di lavoro) intendiamo far presente che, essendo inquadrati con contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.co.co), abbiamo una prospettiva ben peggiore: la perdita totale dell’incarico e la mancanza assoluta di alternative.

Per i molti di noi che si occupavano di cronaca giornalistica, tale incarico si esaurirà il 31 dicembre; per gli altri che si occupano anche della gestione dell’agenda di eventi delle città, i più ‘fortunati’, la collaborazione proseguirà in forma ‘ridotta’, in termini di compensi e produzione, fino alla chiusura del portale.

La nostra delusione quindi è doppia. Con la chiusura di Vivacity non muore soltanto un prodotto unico nel panorama giornalistico di Internet, ma anche una rete di collaboratori che ha contribuito a rendere vivo il giornale online, che ha investito tempo e risorse, cercando di far conoscere, promuovere, sviluppare, nutrire una novità del mondo della comunicazione giornalistica italiana. Non abbiamo mai considerato Internet come un fine, ma come uno strumento per collegare un progetto editoriale innovativo alla vita dei rispettivi territori, alla gente, alle istituzioni e al fermento culturale di ogni città. Il che ha richiesto un grosso impegno diretto sul campo da parte di ognuno di noi per trovare contatti e notizie nelle rispettive città. Per tutto ciò che concerneva l’informazione locale, infatti, la stessa redazione romana contava quasi esclusivamente sul nostro operato.

Tutto questo però, essendo noi senza tutela alcuna per il tipo di contratto che ci ha inquadrati in questi anni, scomparirà nel vuoto. Per noi significherà perdere una fonte importante (in molti casi unica) di reddito, un’idea nuova di lavoro in cui avevamo creduto profondamente e tre anni di impegno intenso e investimenti personali, in nome di una presunta ‘carenza strategica’ del portale. Ci chiediamo allora quale fosse la strategia, visto che la crescita dei contatti ha portato Vivacity ad essere il più importante portale di informazione locale in Italia, pur in mancanza di un vero piano di marketing e promozione pubblicitaria.

Con la chiusura di Vivacity crediamo si rinunci ad una grande occasione e si decreti la morte di quella che indubbiamente, senza presunzione, abbiamo considerato anche una nostra creatura. Auspichiamo perciò che esistano in Italia imprenditori o editori sufficientemente lungimiranti da riprendere e rilanciare un’idea vincente come quella di Vivacity, sapendo di poter contare fin d’ora su una rete di professionalità già collaudata e radicata come la nostra.

Per continuare a dare informazione sulle evoluzioni di questa vicenda abbiamo creato un blog all’indirizzo http://figlidiuncococominore.blogspot.com/

Mail di solidarietà
Arrivano le prime e-mail dei lettori di Vivacity che manifestano la loro solidarietà. Eccone una.

Cari giornalisti, lavoratori e sognatori del web
sono Luca e vorrei comunicarvi il mio dispiacere per la chiusura del sito. Essendo poi correntista di Unicredit lo sono ancora di più. Io non ho mai usufruito dei vari servzi on line(non sono ferrato)ma eravate il mio giornale e la guida di Milano. Spero in una decisione improvvisa di "retromarcia".


--------------

Sono un utente Vivacity mi associo alla vostra protesta...scomparirà qualcosa
di utile e prezioso...come al solito la validità di un progetto viene ignorata...assurdo!


--------------

Disapprovo la scelta di Unicredit Bank di chiudere il portale di Vivacity,un portale intelligente e interessante.E' stato un servizio che ha anche avvicinato molti utenti al mondo della finanza.A tutto lo staff va tutta la mia stima per la grande professionalità dimostrata fino adesso. AUGURI!!

--------------


Mi dispiace che chiuda il portale di vivacity, se mi fate avere vostre notizie Vi Ringrazio.E vi auguro un 2004 pieno di belle cose per Voi

-------------

E' una delle iniziative più stupide di questo fine anno. E vi prego di dirlo a chi a deciso la chiusura di questo portale. E' controproducente sia per chi vuole essere informato sulla sua città, sia per chi tramite voi promuove le sue attività, culturale, artistiche, turistiche ed altre...
Aiuti: la città stessa, il comune, creare un portale autonomo alla faccia di chi distrugge......?????


-------------

Coraggio!!!
Per una porta, anche grande, che si chiude se ne apriranno altre mille!!!
Tutti insieme potrete creare qualcosa di nuovo, magari un nuovo sito simile. La stoffa c'è e anche l'ingegno!!!
In bocca al lupo ragazzi
Luisa

25.12.03

Auguri di Buon Natale

24.12.03

I collaboratori di Vivacity si stanno organizzando e coordinando. Lavori in corso, dunque, da parte di chi ha concretamente lavorato e mantenuto "Viva" la propria "City". Qualcosa, ne sono certo, succederà. Se qualcuno aveva creduto di poter fare i conti senza di loro, prima o poi dovrà ricredersi.
Personalmente, dopo aver visto tutte le vostre mail, credo che l'idea di vederci tutti insieme dopo le feste non sia affatto peregrina, anzi. Creiamo questa prima occasione di incontro, consultiamoci, coordiniamoci, diamoci dei compiti e degli obiettivi per non disperdere il patrimonio che insieme abbiamo costruito.

23.12.03

Articoli e documenti
Nel blog è stata introdotta la sezione "Documenti" in cui saranno linkati tutti gli articoli o i documenti utili a creare una nostra rassegna stampa. Per segnalazioni ulteriori scriveteci.
Istruzioni per l'uso

Per poter scrivere sul blog "Figli di un co.co.co. minore" basta seguire queste istruzioni

1) Inviate all'indirizzo moniaal@tin.it la conferma della vostra partecipazione inserendo nome ed e-mail

2) Subito dopo vi sarà inviata in automatico una mail contenente un indirizzo su
cui cliccare.

3) Arriverete ad una pagina in cui basterà inserire una username e una password nella sezione "Not a blogger users"

4) Dovrete poi compilare i campi richiesti

5) La pagina in automatico arriverà all'indirizzo www.blogger.com e di lato a destra vedrete "Figli di un co.co.co. minore". Cliccandoci arriverete dentro il sistema.

6) Sarete poi nel cuore del blog: basterà scrivere i vostri messaggi, premere su publish finchè l'operazione non sarà effettuata. Inoltre vi verrà chiesto di cliccare su "Republish your blog" per mettere online quello che avete scritto.

7) Il gioco è fatto! All'indirizzo http://figlidiuncococominore.blogspot.com troverete tutto online.

Riepilogo
Il blog si trova a http://figlidiuncococominore.blogspot.com
Per scrivere sul blog andate a www.blogger.com e inserite username e password.

Benvenuti nel blog dei co.co.co. dell'informazione online

Questo blog nasce in seguito alla decisione di Unicredit Banca di chiudere il portale Vivacity.it. Dopo i numerosi scambi di email dei colleghi collaboratori del portale, abbiamo deciso di aprire questo spazio nel web per unire tutte le nostre idee.
Chiunque volesse partecipare e diventare membro del blog può inviare una mail a moniaal@tin.it indicando il proprio nome ed email. Sono invitati a partecipare anche coloro che appoggiano la nostra situazione, anche se non direttamente collaboratori di Vivacity.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?